La sindrome del “Wanderlust”

Ho sempre amato viaggiare ed ho cercato di assecondare il più possibile questa mia passione, ovviamente nelle mie possibilità sia in termini di tempo che di denaro. Per me un viaggiatore non è chi ha visitato millemila posti sulla Terra, ma chi ne ha visitati venti e ha lasciato una parte di cuore in ognuno di essi. Un viaggiatore è chi non guarda dove andare. Per il vero viaggiatore l’importante è semplicemente andare.

L’idea di aprire un blog mi frullava in testa da parecchio tempo ma ho sempre rimandato tra una scusa e l’altra. Gli studi, il lavoro, la vita privata, il tempo… Ma tornata dall’ennesimo viaggio mi sono finalmente decisa a dedicare a questa idea qualcosa di più che un semplice pensiero. o per lo meno provarci.

COSA SIGNIFICA “WANDERLUST”?

Wanderlust” è una parola che deriva dal tedesco, WANDERN (camminare) e LUST (desiderio). Letteralmente significa “un forte e irrefrenabile impulso di girovagare ed esplorare il mondo“. Ma “Wanderlust” è molto più che una parola. “Wanderlust” è uno stile di vita, una sindrome incurabile, un aereo che attraversa le nuvole fino a che non scorge il sole, una cena con piatti dai nomi impronunciabili. Gli odori del centro città, una mappa stropicciata dentro la tasca dei pantaloni, un vociare incomprensibile che ti sveglia la mattina. “Wanderlust” è un cielo azzurro, ma anche un cielo prossimo alla tempesta; uno strombazzare di clacson ad ogni incrocio, ma anche il rumore del vento senza tregua; è una cima innevata ma anche una spiaggia bianca e unagglomerato di cemento; è il bianco, ma anche il nero e tutti i colori del mondo. “Wanderlust” è non sapere assolutamente che ore siano e non preoccuparsene, “Wanderlust” è l’irrequietezza al termine di un viaggio e l’ansia che ti soffoca fino a che non progetti qualcos’altro.

Non ho mai pensato che potesse esistere una parola per descrivere tutto questo e molto altro ancora, fino a che qualche anno fa non mi è capitata sotto gli occhi e da subito mi sono riconosciuta in tutte le sue mille sfumature. Cerco di sopravvivere all’apatia generata dalla routine pianificando viaggi, gite, weekend e vacanze, o semplicemente sognando i posti che vorrei visitare. E spesso solo questo funziona.

Not all those who wander are lost. (J. R. R. Tolkien)

my wanderlust tattoo
My wanderlust tattoo
Annunci

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. brenda94m ha detto:

    Grazie per avermi segnalato il tuo articolo! Mi ci ritrovo tantissimo 🙂
    Ps: adoro il tuo tatuaggio!!

    Mi piace

    1. ablondetraveler ha detto:

      Grazie Brenda 😊 L’ho disegnato da sola, è molto semplificato ma lo adoro!

      Liked by 1 persona

      1. brenda94m ha detto:

        Complimenti! È fatto benissimo 😉

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...